Cassa integrazione in deroga: ABI scrive alle Banche per agevolare i lavoratori

image_pdfStampa in PDF
Cassa integrazione in deroga: ABI scrive alle Banche per agevolare i lavoratori
In un comunicato stampa, ABI ha reso noto di aver  inviato una  circolare alle Banche con alcuni chiarimenti
applicativi per la richiesta di anticipazione dell’assegno di cassa integrazione in deroga
Oltre alla presentazione da parte del lavoratore del modulo B3 sia al datore di lavoro che al proprio istituto bancario, è possibile fornire a quest’ultimo l’attestazione del datore di lavoro di aver provveduto a inserire tale indicazione nelle comunicazioni inviate per via telematica all’INPS.
Per agevolare la presentazione delle domande, però, potrà anche essere ritenuto sufficiente da parte delle banche la presentazione di una dichiarazione firmata dal datore di lavoro e dal lavoratore.
Nella documentazione prevista dalla Convenzione, per la domanda di anticipazione della cassa integrazione in deroga, non è previsto che il lavoratore presenti alla banca il modello “SR 41”.
Alcune Regioni hanno provveduto – in collaborazione con l’ABI – a misure per agevolare le anticipazioni dell’assegno della cassa integrazione in deroga, quali specifici fondi di garanzia oppure la possibilità per le Banche di conoscere l’elenco dei datori di lavoro richiedenti o già autorizzati ad usufruire della cassa integrazione in deroga.

Il testo completo del comunicato stampa lo trovate qui

comunicato stampa ABI (258 download)